Global Cosmesi

UN FONT UNIVERSALE

UN FONT UNIVERSALE

A Ferrara, la nebbia attenua i contorni delle cose, celando solamente una parte di esse. Il resto lo devi completare con la fantasia e piano piano la stessa fantasia diventa uno strumento quotidiano, dal quale dipendi per completare la realtà di ogni giorno. Nel nostro paese meraviglioso impariamo, fin da piccoli, a capire quale numero ci sia scritto sull’autobus, mentre avanza in mezzo alla fitta nebbia, a completare l’immenso castello di Ferrara, evitando le biciclette che ci sfrecciano a fianco e così via. Ci sono bambini che anche da grandi continuano a utilizzare la stessa immaginazione impiegata anni prima, facendola così diventare un vero e proprio strumento fondamentale per il proprio lavoro: il graphic designer. Quest’ultimo, infatti, deve tener sempre attiva la creatività allenando continuamente la mente, soprattutto al di fuori del lavoro.

Questo si spiega immergendosi nell’età digitale contemporanea. Siamo costantemente esposti a un enorme sovraccarico cognitivo, che ci influenza nelle nostre scelte quotidiane. Il grafico deve percepire ogni singolo stimolo e farne tesoro.

Inoltre, al giorno d’oggi, parliamo centinaia lingue diverse tra loro, ma capiamo tutti lo stesso linguaggio comune, e quando spegniamo il computer, il nostro lavoro continua. Camminando per la nostra città, soffermando lo sguardo davanti a un manifesto, ci chiediamo: come l’avrei fatto io?

Vediamo un’insegna, la studiamo e incominciamo a pensare se si potesse semplificare maggiormente. Ci innamoriamo di un vecchio cartello, di una scritta sul muro o di una macchia dalla forma strana. Tra gli scaffali del supermercato ci innervosiamo se non riusciamo a scovare un determinato prodotto perché, chi ha realizzato la grafica, non ha utilizzato un font leggibile e così via.

Non possiamo farne a meno: guardare è il nostro vizio, i nostri occhi sono sempre impegnati a leggere la realtà che ci circonda. Il nostro, prima di essere un lavoro, è una passione attraverso la quale cerchiamo di trasmettere messaggi ben precisi. Il graphic design è quindi creatività ma anche scienza, la ricerca continua dello stile, del bello e del giusto. È un lavoro che ci chiede di nutrire continuamente la nostra mente e la nostra cultura ma, soprattutto, ci obbliga a non smettere mai di immaginare e sognare: guardare oltre, con la consapevolezza che si possa sempre imparare e migliorare.

Abbiamo scelto questo lavoro perché siamo dei sognatori instancabili; sotto la professionalità e la tecnica, dietro le giacche e le strette di mano, al di là delle sale riunioni e dei nostri nomi sulle porte degli uffici, noi siamo prima di tutto dei grafici appassionati del nostro lavoro, pronti ad accettare qualunque sfida ci troviamo a dover affrontare. Alla Global Cosmesi progettiamo forme, oggetti, messaggi, esperienze ed emozioni perché abbiamo un cuore e un cervello, e finché ci sarà vita abbiamo, avremo bisogno del graphic design.

Camilla Benetti è il collegamento virtuale tra la Global Cosmesi e quella bicicletta che vediamo perdersi in lontananza. Così, mettendo nuovamente a frutto la nostra immaginazione, riusciamo a scorgere la fioca luce del fanalino posteriore, dando il giusto risalto alla sinfonia colorata che, anche una singola grafica, può magicamente racchiudere. Laddove la nebbia si dirada, nella molteplicità di decisioni da prendere, quella piccola immagine fa sì che, un determinato prodotto, diventi la nostra preferenza, facendoci cogliere, in un solo istante, l’intrinseco e universale messaggio racchiuso in un umile font.
#noicimettiamolafaccia

camilla benetti graphic designer

Condividi:

NUMERI O PERSONE?

NUMERI O PERSONE?

Siete in coda alle poste, in una sala affollata, fa caldo, avete in mano il tagliandino con il vostro numero, e state pazientemente attendendo che il contatore chiami proprio voi. Vi trovate in una piazza, di fronte alle scale mobili di una fermata della metropolitana. Chiusi nel vostro giaccone invernale aspettate che la vostra dolce metà faccia capolino per stringervi l’un l’altra e poi andare a comprare i regali di Natale. Ecco, sono certo che se vi trovaste a scegliere quale di queste due situazioni vivere non avreste moltissimi dubbi, e indossereste subito il vostro sgualcito giaccone invernale.
La differenza tra rappresentare un numero su un tagliandino e essere una persona che è stata scelta è quella cosa che ci fa sentire vivi e che vogliamo tornare a vivere ancora, ancora e ancora.

Numeri e persone, appunto, due modalità di approccio ben distinte, che in ambito umano fanno tutta la differenza del mondo e che in ambito lavorativo descrivono una relazione che parla di aziende che si prendono per mano e provano a crescere insieme.

Global Cosmesi è proprio questo, una forte identità di gruppo che valorizza i singoli individui e che esalta le loro potenzialità, valorizzandole al meglio e cercando di non lasciare indietro nessuno. Si dice che una relazione di qualsiasi tipo fra due o più individui funziona quando i singoli individui sono risolti e soddisfatti di loro stessi, Global Cosmesi è proprio questo e non c’è soggetto migliore con cui intraprendere un progetto di private label che sviluppi al meglio le capacità e le potenzialità della Vostra Azienda.
Collaborazione, cura dei dettagli, strategie ben definite e feedback continui ed accurati, tutti elementi che si sposano al meglio con il lancio di un nuovo prodotto e che non sarebbero possibili in un contesto impersonale, in cui il cliente è visto soltanto come un numero o una cifra da aggiungere al fatturato aziendale.
In questo contesto basato sul rapporto umano tra persona e persona, prima ancora che fra fornitore e cliente, non fa eccezione il reparto amministrativo e uno dei suoi componenti Piero Tumiati, che pure nei numeri ha costruito il suo ambito lavorativo.
Il piacere di confrontarsi e capire quali sono le esigenze di chi si ha di fronte, per permettere al cliente di ottimizzare al meglio le tempistiche di crescita del proprio prodotto fino al posizionamento sullo scaffale.
Per provare a farlo, per lasciarsi guidare nella crescita di un private label guidati dall’approccio personale e su misura, contattateci e saremo a vostra disposizione.
Persone per le persone, appunto.

#noicimettiamolafaccia

Globalcosmesi_Piero_Tumiati_noicimettiamolafaccia

Condividi:

SI VA IN SCENA

SI VA IN SCENA

Il Supply Chain Management è uno strumento sempre più determinante nelle aziende di oggi, per una corretta gestione della catena di distribuzione e per conseguire l’obiettivo di migliorare le prestazioni e l’efficienza delle diverse attività logistiche.
Global Cosmesi però, che da sempre afferma come suo dogma l’idea di Team, di Collaborazione e di Cooperazione, sfrutta questo strumento soprattutto per un’integrazione e un coordinamento strategico, sviluppando vere e proprie relazioni con i suoi fornitori, distributori e clienti. Dietro a questi rapporti anche pluriennali, vi sono le collaborazioni tra le Persone di aziende diverse e prima ancora ci sono i Pensieri, le Parole, e le Azioni di Persone appartenenti ad una stessa squadra, chiamiamola di attori che, come in una compagnia teatrale, vivono ogni progetto come una nuova avventura da costruire insieme con passione.

Elisa Piemonte è una degli attori di questa compagnia, che riceve un nuovo, entusiasmante copione, inizia a studiarlo, pianifica e cerca, condividendolo con gli altri membri del gruppo, di fondersi con questi ultimi. Per rendere al meglio la performance di ogni attore, si leggono le battute insieme, si aggiustano le intonazioni, si lavora sulle emozioni, si ricercano con attenzione gli abiti di scena e dopo averli indossati, quando tutto è pronto, con una grande adrenalina addosso, si alza il sipario e si entra in scena, ecco avvenire uno spettacolo con la S maiuscola che manda il pubblico in visibilio. Global Cosmesi con il suo team, si impegna ogni giorno per lo sviluppo dei vostri progetti con questa passione.
Il vostro private label con cura passerà tra le mani di Persone, che una vicina all’altra delicatamente come in una grande catena, lo faranno crescere sotto la vostra attenta regia, e prenderà via via forma, diventando qualcosa di unico.
Uno dei nostri punti di forza è quello di seguire ogni azienda, ogni fornitore e soprattutto ogni cliente, in ogni momento di questa avventura fino appunto alla messa in scena del tanto atteso spettacolo con la S maiuscola, per rendere memorabile il frutto di tanto lavoro.
#noicimettiamolafaccia

Supply Chain Management Elisa Piemonte

Condividi:

IL SUCCESSO DI UNA LINEA IN PRIVATE LABEL PARTE DALLA STRATEGIA MARKETING

IL SUCCESSO DI UNA LINEA IN PRIVATE LABEL PARTE DALLA STRATEGIA MARKETING

I brand sono come individui perché devono essere raccontati e valorizzati per renderli unici e distintivi. L’identità si crea nei dettagli.  Per questo anche l’approccio di un progetto in private label dovrebbe essere sempre proposto con i valori di un brand perché per avere successo un prodotto deve essere sviluppato partendo dal posizionamento a scaffale. Per questo motivo il dipartimento Marketing di Global Cosmesi, diretto da Silvia Conconi che arriva da esperienze di branding da note multinazionali, trasforma le proposte dei progetti in private label in marchi pronti alla vendita, coordinando tutti i dettagli: dal pack ai colori, dalla narrativa comunicativa alle novità dei principi attivi che possano costruire uno story telling forte e avvincente. Si arriva in questo modo alla costruzione dell’identità, della personalità ed equità della marca e del prodotto. 

“Ci piace costruire un sogno e non un elenco di informazioni. Mettiamo al centro la marca e la facciamo dialogare con il mercato attraverso la costruzione del suo universo valoriale. Traduciamo il beneficio in corretta visione strategica, trasformando il bisogno in buona capacità tattica e sommando le idee chiare a una efficace capacità narrativa”. Ed è proprio la capacità narrativa e la capacità di entrare nel cuore del prodotto, enfatizzando ogni dettaglio, che ha permesso a molti nostri clienti di lanciare brand di successo.

Un ulteriore prezioso alleato nell’interpretazione dello scenario comunicativo è l’interesse al mondo della moda, dell’interior design e del visual merchandising che consente di intercettare trend e tendenze e portarle nel mondo della cosmetica.

Creatività e capacità di strutturare strategie per far emergere la marca e distinguerla sono gli elementi che ci hanno consentito in poco tempo di sviluppare nuovi clienti sia in Italia che all’estero.  

“Ogni prodotto a scaffale deve trasferire al cliente finale informazioni di valore, ma anche emozioni e personalità. Il prodotto deve vivere tenendo conto di tutti gli aspetti sensoriali come texture, colori, profumi e sensazioni, senza perdere di vista l’approccio green che è alla base delle nostre proposte”.

Offriamo sempre nuovi concept marketing (link al sito global) con diverse soluzioni di sostanze funzionali e principi attivi in linea con una comunicazione sempre più richiesta dai consumatori “GREEN” informati ed attenti ad un INCI pulito e sostenibile: attivi da agricoltura biologica e vegani, Attivi italiani a KM ZERO per chi desidera una forte connotazione del made in Italy, attivi senza glutine.

Non dimentichiamo che tutto può essere coronato da packaging green come plastiche riciclate da post consumo o plastiche derivate dalla canna da zucchero, pack con refill per evitare sprechi, vetro o carte FSC per una cosmetica sempre più ECO SOSTENIBILE. Se vuoi creare la tua linea o il tuo prodotto attraverso un approccio di BRAND EQUITY e BRAND IDENTITY, personalizzato e su misura per tuo canale di vendita, contattaci per tutti gli approfondimenti.

#Noicimettiamolafaccia

IL SUCCESSO DI UNA LINEA IN PRIVATE LABEL PARTE DALLA STRATEGIA MARKETING

Condividi:

Esteticāre: la nuova linea scelta dal Bello del Naturale.

Esteticāre: la  nuova linea scelta dal Bello del Naturale.

Il marchio ESTETICARE di Global Cosmesi raccontato anche dalle nostre clienti che credono nel total green!  Leggi l’articolo per intero!

“Una dichiarazione che non mi poteva lasciare indifferente! É questa la filosofia alla base di Esteticāre, un’azienda cosmetica che ho scoperto di recente e che mi ha da subito coinvolta per l’attenzione e il rispetto verso le persone, gli animali e l’ambiente. Ed è di quest’ultimo aspetto che oggi vi voglio parlare perché….Continua a leggere l’articolo

Condividi:

L’importanza dello spazio bianco!

L’importanza dello spazio bianco!

Cos’è lo spazio bianco per un grafico? A dispetto di quello che si possa pensare, lo spazio bianco, chiamato anche “negative space”, non sta solo a rappresentare uno stacco tra i vari componenti di una grafica, ma rappresenta un vero e proprio elemento fondamentale per il giusto funzionamento. Che si tratti di un layout o di una etichetta, quest’ultimo, rappresenta uno degli elementi più importanti creati intenzionalmente per enfatizzare altri elementi all’interno della grafica trasmettendo così uno stato d’animo o un messaggio specifico.
Se questo elemento così essenziale non viene considerato dal grafico è un errore grave.

Il bianco è una costante e una certezza; rappresenta la purezza e l’equilibrio. E’ proprio questo equilibrio che detta l’unione tra i vari elementi regolando e trasmettendo un segnale di pausa al nostro cervello, facilitando la lettura e agevolando la comprensione dei contenuti. Soprattutto quando si ha a che fare con testi importanti, gli spazi bianchi sono fondamentali perché scandiscono la lettura. 

Lo spazio bianco può essere suddiviso in due componenti: macro spazio e micro spazio in base a come si distribuisce all’interno del layout della pagina.

LO SPAZIO MACRO BIANCO: è lo spazio tra i principali elementi nel layout che agisce da container di tutto il design.
Basti pensare alla homepage di Google

Screen Google home page

Ecco il confronto con la pagina mozilla firefox che al contrario di google ha utilizzato un pantone grigio che rende la pagina più chiusa e limitata.

Mozzilla_screen_home_page

LO SPAZIO MICRO BIANCO: è invece lo spazio che intercorre tra un paragrafo e l’altro, tra un titolo e l’inizio del testo, tra un’immagine e la didascalia, ma anche lo spazio tra le singole parole o le singole lettere.
La velocità di lettura e la comprensione vengono influenzati dalla disposizione del testo rispetto ai margini.
Vediamo alcuni esempi.

Il primo esempio è decisamente più leggibile e fluente; infatti lo spazio bianco attorno al testo e tra le singole parole e lettere alleggerisce il testo a differenza dell’esempio n. 2 che, a causa dello sfondo scuro e del poco spazio tra le singole parole, rende difficile la lettura.

Anche nel Web è utilizzato lo stesso ragionamento; ecco alcuni esempi. Dalle pagine delle news ai siti di marchi importanti come Apple, questo elemento rende equilibrata l’intera pagina facilitando la lettura e la comprensione del messaggio.
(Sezione bianca evidenziata in giallo)

Negli ultimi anni, il minimalismo è stato associato al modernismo e i marchi si sono affrettati ad adottare questo stile. Lo spazio bianco è estremamente utile nel web design in quanto può aiutare gli sviluppatori a creare siti facili da navigare; aiutando l’utente in una navigazione più rapida ed immediata.

Esempio di evoluzione sito web.
La prima immagine: sito web nel 1997.
La seconda immagine: sito web aggiornato nei primi anni 2000.

 

Anche nel settore della cosmetica questo elemento assume un ruolo rilevante. Il packaging è uno degli elementi chiave per il successo dei prodotti cosmetici in quanto ne influenza in maniera diretta e attiva la vendita. Questo settore è popolato da numerosi prodotti simili ma non identici, spesso distinguibili unicamente grazie al packaging e alla grafica.

Proprio per questo motivo la creazione di packaging ha da sempre richiesto numerosi sforzi progettuali e comunicativi da parte del settore marketing e grafico. Nell’artico precedente abbiamo affrontato l’importanza dei colori “Comunicare attraverso i colori”.
Oggi, invece, analizziamo solamente un unico colore che pone le basi per una corretta grafica: il bianco.

Come abbiamo visto fino ad ora, lo spazio bianco può creare un aspetto di alta qualità, soprattutto quando il resto degli elementi di design (testo, caratteri, grafica..) sono eleganti o in stile moderno. Utilizzare il bianco all’interno di un packaging trasmette un senso di pulizia, purezza, efficienza e semplicità. Viene spesso associato alla sostenibilità; requisito molto richiesto negli ultimi anni e valutato positivamente dai consumatori.

Noi come produttori di cosmetici per la cura del viso, corpo e capelli sviluppiamo progetti in private label in full service e diamo forma, sostanza, colore e profumo ad ogni ispirazione cosmetica.
Sviluppiamo il prodotto in collaborazione completa con il cliente: dalla sua formulazione, alla veste grafica, alla ricerca dei principi attivi o di ingredienti speciali arrivando ad una personalizzazione completa.

Condividi:

COMUNICARE ATTRAVERSO I COLORI

COMUNICARE ATTRAVERSO I COLORI

La psicologia dei colori

All’interno dell’articolo sulla “Corretta Comunicazione Visiva: pack ed etichette” abbiamo toccato un punto fondamentale per la realizzazione di un nuovo Brand: la psicologia dei colori applicata nel mondo del marketing.
Di cosa si tratta? La psicologia dei colori è lo studio dei colori in relazione al comportamento umano. Ha lo scopo di determinare come il colore influenzi le nostre decisioni nella vita quotidiana, soprattutto nell’acquisto di prodotti rispetto ad altri. Ogni singolo individuo percepisce un determinato colore in modo diverso l’uno dall’altro; questo dipende dalla storia, dal sesso, dal contesto in cui si trova quest’ultimo. Tuttavia ci sono linee guida universali da seguire. Basti pensare alle corsie dei supermercati, vi sono delle predominanze di colore per settore, colori freddi per i detersivi e colori caldi per le zone alimentari.
Nulla è messo lì al caso, tutto è minuziosamente studiato per catturare l’attenzione del cliente. Infatti, secondo uno studio, il 92,6% dei consumatori dichiara che il colore è l’elemento principale che veicola il proprio acquisto, mentre solamente il 5,6% si basa sulla sensazione tattile ed il restante 0,9% sull’olfatto e udito. Proprio per questo motivo esiste la psicologia del colore, uno strumento grazie al quale determinare il fallimento o il successo di un nuovo brand. In cosmetica, come non mai, tutto questo è fondamentale da sapere per la realizzazione di un nuovo marchio e cosmetico.
All’interno dello staff della Global Cosmesi vi sono persone preparate anche a questo, affidati a noi per la realizzazione e la creazione del tuo nuovo brand, partendo dalla realizzazione della formulazione cosmetica per passare alla realizzazione grafica del prodotto finito.

Condividi:

CURA DEL CORPO: LA COSMESI PER CHI AMA SPORT E FITNESS

CURA DEL CORPO: La Cosmesi per chi ama sport e fitness

L’attività fisica detta tendenza. Anche nella cosmesi. L’ultima frontiera del bodycare è l'”active beauty“: formule che potenziano gli effetti dell’allenamento o, perfino, ne imitano i benefici grazie a ingredienti “effetto palestra”. E la remise en forme è una strategia a prova di pigre.
La conferma arriva dalle statistiche: in Italia oltre 20 milioni di persone praticano attività fisica a vario livello d’intensità. Centocinquanta minuti alla settimana di attività moderata (o 75 di attività vigorosa) da suddividere in 2-3 sedute alla settimana sarebbero il livello minimo di esercizio fisico raccomandato dall’Oms (Organizzazione Mondiale della Sanità) per gli adulti dai 18 ai 64 anni. Di fatto, ora più, ora meno, il movimento è un appuntamento costante nell’agenda settimanale di molti.
Ma per capire perché il fenomeno fitness ha varcato la soglia (anche psicologica) di palestre, piscine e campi sportivi, per farsi largo nelle strade delle città, basta guardarsi intorno. Si chiama “athleisure” (il nome viene dall’unione dei termini inglesi “athletic”, sportivo, e “leisure”, tempo libero) ed è l’arte d’indossare le sneakers con il tailleur senza rinunciare al glamour: una moda, ma anche uno stile di vita, dove benessere e amore per se stesse guadagnano (finalmente) un posto in prima fila. “Athbeauty” ne è l’equivalente cosmetico: formule che s’ispirano all’atletica, che si allenano per e con noi e non solo: potenziano e prolungano gli effetti benefici dell’attività sportiva, anche minima che sia.

ANCHE LA COSMESI È ACTIVE: GLI INGREDIENTI COACH
Nel body care, è tendenza “active beauty”, formule attive, potenziate da ingredienti “effetto gym”. Ma cosa si intende per ingredienti attivi, e quali sono quelli di punta (e più efficaci) nelle decine di prodotti in arrivo sugli scaffali? Su podio delle formulazioni corpo, melograno, piante esotiche, alghe e caffeina.
L’olio di melograno è un ottimo lipolitico. Dal mare, arrivano poi gli ingredienti più intelligenti: le alghe, dalla chlorella alla laminaria alle varietà rosse. Non solo eliminano efficacemente i liquidi in eccesso ma ripuliscono dalle tossine e supportano la produzione di collagene ed elastina, che fanno da sostegno alla pelle. Non è da meno il plancton: il micro organismo degli oceani sarebbe in grado perfino di stimolare l’adiponectina, l’ormone che si genera quando facciamo esercizio fisico. E poi, i grandi classici: caffeina, ginko biloba, carnitina, escina, zenzero, booster della microcircolazione, ossigenano i tessuti e potenziano l’efficacia degli attivi, mentre oli essenziali di menta, cipresso, buccia di limone, lavanda, regalano un’extra di freschezza e sollievo al post workout.

Global Cosmesi ha creato dei prodotti per questa esigenza con attivi di nuova generazione, effetti sensoriali caldo e freddo, ideali per pre e post allenamento. Chiedi informazioni per la tua linea personalizzata.

Condividi

CORRETTA COMUNICAZIONE VISIVA: pack ed etichetta

Grafica_cosmetica

CORRETTA COMUNICAZIONE VISIVA: Pack ed Etichetta!

L’etichetta di un prodotto, soprattutto nel settore cosmetico, gioca un ruolo fondamentale. Grazie alle numerose possibilità di stampa, essa funge da strumento persuasivo; più l’etichetta è unica e particolare più attira lo sguardo del cliente spingendolo ad acquistare un certo tipo di prodotto invece di un altro.  L’etichetta deve seguire certe normative ed oltre a questo bisogna tener conto anche di altri fattori come ad esempio la psicologia dei colori. Tutta la grafica infatti gira attorno all’utilizzo del colore corretto e all’uso del giusto font e linea grafica corretta. Questi due elementi uniti determinano effetti psicologici ed emotivi che contribuiscono a dare unicità all’etichetta.
Non bisogna però dimenticarsi di un altro elemento altrettanto importante nella composizione di un prodotto cosmetico: il packaging. Il fattore di unicità è importante anche per quanto riguarda il packaging perché se il consumatore ritiene il tuo prodotto unico ed efficace è anche difficile che possa pensare a qualcosa di alternativo da sostituirlo. Grazie al packaging si può costruire una relazione con il cliente basata sull’unicità del brand, ma anche sull’unicità dell’identità del consumatore.
Tutti gli elementi di una grafica non sono lasciati al caso, chiaramente non bisogna nemmeno esagerare ovvero mettere troppi elementi potrebbe rendere il nostro prodotto ambiguo e confuso, quindi a volte il payoff “less is more” può tornare utile nella creazione di un brand nuovo.
Dobbiamo puntare su pochi ed essenziali elementi che valorizzano e rendono il prodotto unico. Proprio per questo molte volte il lavoro grafico e di marketing che sta dietro ad un certo brand è frutto di un lungo lavoro di ricerca e sviluppo.
Come azienda Global Cosmesi abbiamo sviluppato diversi brand partendo dalla progettazione su carta e concludendo con prodotti sul mercato. Abbiamo creato diversi brand in plastiche green come braskem  e PET riciclato.

Affidati ai nostri consulenti marketing per creare la tua linea.

Condividi

ALLA RICERCA DEL BENESSERE

ALLA RICERCA DEL BENESSERE

Poiché sempre più persone passeranno molto tempo in casa, prevediamo che il focus principale sarà sulla cura di se stessi e sul benessere, più che su come si appare.
Il concetto di “Come ti senti è più importante di come appari” diventerà centrale e porterà diversi benefici al settore dello skincare. Questo apre alle aziende l’opportunità di creare collezioni skincare premium, rinnovando il packaging, le fragranze, gli ingredienti utilizzati.
Infine ci sarà un forte bisogno di trovare nuovi rituali per staccare la spina dal mondo online e prendersi cura di sé. Per questo si potrebbe pensare, ad esempio, a rituali di fragranze e di skincare che aiutino il consumatore a rilassarsi dopo una lunga giornata di lavoro oppure a prodotti dedicati all’esercizio fisico indoor che sempre più persone praticano ogni giorno.
C’è una tendenza crescente a privilegiare  ingredienti della propria terra e a porre al centro della narrazione le materie prime e la loro origine, ponendo particolare attenzione se provengono da posti lontani.
Per questo Global Cosmesi ha creato delle formule altamente sensoriali con attivi a KM zero italiani per sostenere queste richieste: dall’ Olio di Dattero all’Olio di pistacchio,  dal Fico d’india agli Agrumi di Sicilia, dal Mirto biologico alla Pietra vulcanica.
Uno story telling tutto mediterraneo e Made in Italy.
Richiedi i campioni e scopri le fragranze avvolgenti che ti immergeranno in questo mondo di sensazioni e colori.

Condividi